Come Commerciare con il Petrolio

Normalmente, gli analisti, difficilmente sbagliano le loro stime, ma può essere che qualcuno di noi riesca a ottenere risultati migliori prevedendo il comportamento delle scorte di petrolio ogni settimana e, così facendo, si possa sfruttare gli operatori che hanno sbagliato nelle loro previsioni. Se si prevede la variazione delle rimanenze e il consenso di mercato, siamo in grado di aprire una posizione long. Al contrario, se la nostra stima è inferiore al consenso di mercato, è meglio aprire una posizione short. Questa metodologia richiede l’apertura di una posizione circa due ore prima che il report venga rilasciato e, quindi, prevede il cambiamento di inventario una volta annunciato. Lo svantaggio è che richiede un sacco di lavoro per la ricerca.

Il secondo metodo è più semplice e richiede all’operatore di attendere fino a quando il rapporto è pubblicato. Fondamentalmente è quello di confrontare i dati effettivi sugli inventari e il consenso generale del mercato.

Quindi è necessario eseguire un rapido sguardo alla reazione del mercato ed eseguire un’operazione sulla base di questo. Quindi, diciamo che il calo delle scorte è stato più alto del previsto. In questo caso, vedremo nei grafici che il prezzo del petrolio comincia a salire. Il commerciante invece deve aprire una posizione lunga e incontrare il movimento ascendente. A volte, questo rapporto può stimolare il mercato del petrolio per il resto della giornata.

Ulteriori raccomandazioni per operare nel settore del petrolio

Un giorno prima della relazione della Energy Information Administration, l’American Petroleum Institute (API) pubblica una relazione analoga che viene rilasciata alle 21:30 ogni Martedì. Nella redazione della presente relazione, l’API raccoglie informazioni su base volontaria, degli operatori delle raffinerie. Terminali per le rinfuse e le linee di distribuzione. La differenza è che il governo degli Stati Uniti richiede che la relazione venga presentata per lo studio settimanale. Variazione delle scorte di petrolio API e VIA hanno coinciso nel 76% del tempo nel corso degli ultimi quattro anni, questo indica una forte correlazione tra le due relazioni. Pertanto, se vogliamo stare al passo dei cambiamenti nel rapporto di inventario presentata dal VIA, prestiamo attenzione ai dati API. Quest’ultimi possono dare un’idea di quello che dirà il primo, anche se non c’è correlazione perfetta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *